Stoner & Hayden, il Team Ducati pronto a sfidare la Yamaha di Valentino Rossi

Il Team Ducati MotoGP 2010 al completo

Il prossimo 11 aprile inizierà la 62° edizione del Motomondiale e per il terzo anno consecutivo sarà il Qatar ad ospitarne la gara inaugurale, in notturna. Il Ducati Marlboro Team si presenta a Losail fiducioso di aver fatto un buon lavoro nei test invernali ma consapevole di affrontare un campionato di altissimo livello e sempre più competitivo.

Sia Stoner sia Hayden hanno dimostrato di apprezzare le novità tecniche introdotte da Filippo Preziosi sulla Ducati Desmosedici GP10, e in particolare il nuovo motore in versione “big bang” . Entrambi sperano di riuscire a ripetere le ottime prestazioni dei test invernali quando, venerdì sera, si accenderanno i riflettori sulla pista di Losail e sul mondiale 2010.

CASEY STONER, Ducati Marlboro Team
”In Qatar abbiamo sempre ottenuto ottimi risultati eppure la pista non mi entusiasma in maniera particolare dal punto di vista della guida. In ogni caso hanno fatto bene a cambiare l’orario del GP dal giorno alla notte perché lo hanno reso diverso dagli altri, interessante per lo spettacolo, e più divertente per noi. Per questa nuova stagione la Ducati ha fatto un motore molto più guidabile, più semplice per tutti da capire, e per quanto mi riguarda adesso mi è più facile girare veloce anche con gomme usate. Abbiamo fatto progressi nella messa a punto dal primo test di Sepang ad oggi e siamo contenti del livello con cui ci presentiamo alla prima gara. Daremo il massimo come sempre però è solo la prima di una stagione molto lunga che comincerà a delinearsi solo verso il terzo o quarto round”.

NICKY HAYDEN, Ducati Marlboro Team
“Finalmente è arrivato il momento delle gare, siamo quelli che cominciano più tardi di tutti e non se ne poteva più di aspettare. I test sono andati discretamente, per certi aspetti abbiamo raggiunto i nostri obiettivi, per altri dobbiamo ancora lavorare parecchio ma comunque generalmente sono soddisfatto. In Qatar abbiamo stabilito una buona base che speriamo di riuscire a sfruttare per la prima gara. E’ da un paio di anni che non comincio la stagione come vorrei ma sono in forma, la squadra mi supporta in pieno e io non vedo l’ora di iniziare”.

VITTORIANO GUARESCHI, Team Manager
“Questi mesi sono volati, anche perché appena finita la stagione 2009 ci siamo rimessi a lavorare a pieno ritmo per sviluppare il nuovo motore e tanti altri particolari della moto che sono stati aggiornati. I nostri piloti sono rimasti un punto fermo della squadra e sono entrambi in forma: Casey finalmente ha potuto affrontare un inverno tranquillo, senza infortuni da recuperare, ed è stato sempre veloce. Nicky ha fatto degli ottimi test, soprattutto le ultime due sessioni, ed è perfettamente integrato nel gruppo di lavoro. Adesso è il momento di mettere tutto in pista per la prima gara, sono fiducioso del lavoro fatto finora”.

LA PISTA
Losail, un tracciato sinuoso ma piatto e caratterizzato da un lunghissimo rettilineo di 1.1 km, è situato nei pressi della capitale dell’Emirato del Qatar, Doha. Da tre anni è teatro del Gran Premio di apertura del mondiale. E’ stato introdotto nel calendario della MotoGP relativamente di recente ma si è dimostrato uno degli appuntamenti più ricchi di variabili che i piloti e le squadre della MotoGP si siano trovati ad affrontare negli anni. Il Gran Premio inaugurale risale infatti al 2004 e sia allora, sia nella stagione successiva, si è corso in ottobre, con temperature torride che mettevano a durissima prova piloti, moto e gomme. Nel 2006 è stato spostato al più fresco periodo primaverile e le incognite da affrontare sono diventate il vento e la sabbia che rendevano le condizioni dell’asfalto scivolose in maniera insidiosa. Nel 2008 un altro grande cambiamento: il GP è stato spostato in notturna ed i piloti si sono dovuti adattare a temperature basse e condizioni di visibilità particolari. Il fatto di correre di notte poi, ha fatto sì che nel 2009 si sia dovuto spostare la gara da domenica sera a quella del lunedì successivo dopo una pioggia torrenziale che ha reso impossibile lo svolgersi del GP, soprattutto per i riflessi sull’asfalto bagnato dei potentissimi riflettori da 5.4 milioni di watts che illuminano la pista.

I DATI DEL GP DEL QATAR

Record Ufficiale: Casey Stoner (Ducati – 2008), 1’55.153, 168.193 Km/h
Best Pole: Jorge Lorenzo (Yamaha – 2008), 1’53.927, 170.003 Km/h
Lunghezza Circuito: 5,380 km
Gara MotoGP 2010: 22 giri (118,360 km)
Orario gara MotoGP 2010: 23:00 Local Time

PODIO 2009: 1° Casey Stoner, 2° Valentino Rossi, 3° Jorge Lorenzo
POLE 2009: Casey Stoner ( Ducati – 2009) 1’55.286 – 167.999 Km/h

Redazione