Motomondiale logo

Rueda e Piqueras si dividono le vittorie al Sachsenring

Una cavalcata solitaria e un finale rocambolesco: ecco cos’è successo nelle due gare della Red Bull MotoGP Rookies Cup in Germania Gara 1: Rueda intoccabile Il sedicenne José Rueda ha dominato Gara 1 della Red Bull MotoGP Rookies Cup al Sachsenring concludendo la prova in solitaria. Dietro di lui, da un’intensa bagarre per il secondo posto […]


Una cavalcata solitaria e un finale rocambolesco: ecco cos’è successo nelle due gare della Red Bull MotoGP Rookies Cup in Germania

Gara 1: Rueda intoccabile

Il sedicenne José Rueda ha dominato Gara 1 della Red Bull MotoGP Rookies Cup al Sachsenring concludendo la prova in solitaria. Dietro di lui, da un’intensa bagarre per il secondo posto che ha coinvolto 15 piloti sono emersi il 15enne australiano Harrison Voight e il 16enne italiano Luca Lunetta, entrambi sul podio

Rueda: “Sono davvero molto contento. Finora questo weekend è stato perfetto, è la prima volta che vengo qui, mi piace la pista, ho fatto la pole e vinto la gara. Ero fiducioso, sentivo di avere un po’ di vantaggio sugli altri e che se avessi spinto dall’inizio sarei riuscito ad andare via. Volevo prendere il largo prima che le gomme perdessero un po’ di performance e così è stato, dopo circa 8 giri. A quel punto avevo un buon vantaggio, le gomme scivolavano ma era abbastanza prevedibile, mi sono divertito anche in questo”.

Voight: “È piuttosto emozionante, sono un po’ senza parole al momento. Sono molto contento di essere tornato dall’infortunio e di aver ottenuto un risultato del genere. Ho fatto una brutta partenza, ho cercato di spingere al massimo ma ho avuto tanti momenti difficili, onestamente ho rischiato di cadere un paio di volte. Ho pensato: ‘Dai, portala a casa, impara dal gruppo’. Poi ho notato che tutti iniziavano a fare i conti con la temperatura. Ho sentito che il mio pneumatico non era male, soprattutto in frenata. Alla curva 1 tutti rallentavano molto e c’era tanto spazio: potevo fare un buon sorpasso, ho passato un sacco di ragazzi”.

Lunetta: “È stata una gara molto divertente e mi piace molto la pista. È fantastico essere di nuovo sul podio. Faceva molto caldo, era davvero difficile per tutti, ho gestito le gomme in modo da farle durare senza troppi problemi. Devo ringraziare la mia famiglia e tutti coloro che mi sostengono. La moto era ottima, non cambieremo nulla per domani”.

Gara 2: Piqueras piega la concorrenza

Un finale affollato e incerto ha caratterizzato la seconda prova, che ha visto prevalere Angel Piqueras su Collin Veijer e Filippo Farioli, con le prime sette KTM divise da appena 6 decimi. 

Piqueras: “Sono contento perché ho fatto una buona gara, sono partito bene e sono rimasto in seconda posizione per la maggior parte dei giri. Ero fiducioso, avevamo fatto delle buone qualifiche e la caduta di ieri era stata solo causata da una gomma difettosa. Mi sono sentito bene fin dall’inizio e mi sono divertito. Il finale è stato pazzesco, era impossibile avere un piano. Gas aperto per dare tutto. Sono contento ma è solo una vittoria, vedremo nel prossimo round”.

Veijer: “È stata una gara molto buona, migliore di quella di ieri con il cambio più corto. Sono partito meglio. Non sono riuscito a superare molti piloti ma man mano che entravo in gara sono salito fino al 5° posto. Poi ho cercato di ridurre il distacco dai piloti davanti, che era piuttosto grande. L’ho chiuso e mi sono messo dietro a José. Mi sentivo abbastanza forte dietro di lui. In alcuni punti lui era più veloce, in altri io. All’ultimo giro ho pensato che dovevo superarlo, per avere una possibilità di podio. Il problema era che la moto era piuttosto calda, sui 100 gradi. Sono riuscito a passare José in frenata alla prima curva dell’ultimo giro. Sono rimasto in testa, ma alla curva Waterfall mi hanno passato José, Piqueras e Filippo. Ho cercato di uscire meglio di loro dalla 11 e poi all’ultima curva ho cercato di fare lo stesso, entrando il più largo possibile per avere velocità. Sono riuscito a prendere José all’uscita della curva 11 e Filippo alla 12”.

Farioli: “Sono molto contento per questa gara, molto diversa da quella di ieri. Il ritmo era più veloce oggi, avevo un feeling migliore con la moto, ho usato un pignone più corto ed era meglio per il mio peso. Tutto questo mi ha aiutato. All’ultimo giro avevo un piano, ma Angel mi ha passato alla curva 3, quindi il piano è saltato e ho cercato di fare del mio meglio. Ho fatto un ottimo lavoro, passando tre ragazzi alla prima curva, ma quando ho cercato di spingere forte all’ultima curva sono andato largo, Angel e Collin mi hanno passato”.

VideoPass ti permette di seguire ogni secondo di azione, in pista e fuori, LIVE e OnDemand

Fonte: https://www.motogp.com/it/notizie/2022/06/20/rueda-e-piqueras-si-dividono-le-vittorie-al-sachsenring/426542