Motomondiale logo

Moto3 test, Bastianini: “Ho dovuto cambiare modo di guidare”

Si è conclusa la due due giorni di test a Valencia per la Moto3, in cui il debuttante dell’anno Enea Bastianini ha esordito in sella alla Honda Gresini.


Enea-Bastianini-Test-Valencia

La nuova stagione di Moto3 è alle porte ed uno dei maggiori protagonisti della classe minore, Enea Bastianini, dovrà affrontare un’altra sfida.

Dopo essersi rivelato miglior debuttante del 2014, il pilota romagnolo, confermato all’interno del team Gresini, è ora alle prese con i test invernali, quelli che anticiperanno la prima gara del Qatar, prevista per il 29 marzo. La squadra italiana, motorizzata KTM nella passata stagione, farà ora invece affidamento su Honda, tornando a confermare una partnership ben consolidata come quella tra Fausto Gresini e la Casa dell’ala dorata. Moto del tutto inedita dunque per Bastianini, che ha avuto modo di avere un primo approccio con la sua nuova compagna di viaggio proprio in coincidenza della due giorni di test invernali a Valencia, dove ha portato a termine ben 53 giri. I tempi siglati dal rookie dell’anno non sono stati svelati, ma è chiaro che il più del lavoro sia stato svolto col fine di adattarsi il prima possibile alla Honda NSF250RW, diversa in specifiche tecniche e guidabilità. A tale proposito Enea Bastianini ha espresso le prime impressioni:

“E’ proseguito il nostro cammino alla scoperta di questa nuova moto, effettuando altre modifiche nel tentativo di migliorare il mio feeling in sella. Posso dire di essere soddisfatto del lavoro svolto, perché a fine giornata mi sentivo a mio agio. Ovviamente guido la Honda da soli due giorni, per cui c’è ancora tanto lavoro da fare, anche dal punto di vista del mio stile di guida. Ho dovuto cambiare modo di guidare e i prossimi test ad Almería [24 e 25 novembre] saranno importanti per migliorare anche su questo fronte.”

Seppur non disponendo di crono ufficiali, sappiamo che il tempo di riferimento di questi test è stato fatto segnare da Niccolò Antonelli (1’39.183), ingaggiato dal team Ongetta ed in sella ad una Honda, proprio come l’ex-compagno di squadra. Sintomo questo della partenza promettente ed ottimale della Casa giapponese, la quale ultimamente ha ridotto ed addirittura eliminato lo svantaggio nei confronti di KTM.