Motomondiale logo

MotoGP: il TAS rigetta la richiesta di Valentino Rossi

Il TAS respinge il ricorso presentato da Valentino Rossi a seguito dell’incidente con Marc Marquez avvenuto nel corso del GP di Sepang.


Valentino RossiIl TAS di Losanna ha respinto il ricorso presentato da Valentino Rossi per sospendere l’esecutività della decisione presa dai giudici dopo il GP della Malesia il 25 ottobre del 2015, in seguito allo scontro in pista con Marc Marquez.

Per questo motivo viene confermata la decisione dei Commissari sportivi della Fim di imporre 3 punti di penalità al Dottore; di conseguenza sarà costretto a partire dal fondo dello schieramento di partenza nel GP di Valencia che domenica assegnerà il mondiale della MotoGP.

Nel comunicato del TAS viene ricordato il procedimento che ha portato al sanzionamento di Rossi:

“Dopo la corsa in Malesia, la Direzione gara della Fim ha rilevato che Valentino Rossi ha deliberatamente allargato la traiettoria per forzare Marc Marquez fuori strada, creando le condizioni di un contatto che ha causato la caduta e il ritiro di Marquez. Per questa infrazione ai regolamenti Fim, la Direzione gara ha imposto 3 punti di penalizzazione al pilota, sanzione poi confermata dagli Stewards Fim. Il totale dei punti a carico di Rossi è di 4, in aggiunta al punto in precedenza ricevuto per un altro incidente durante la stagione. Sulla base dei regolamenti Fim un pilota con 4 punti di penalità deve partire nella gara successiva in fondo allo schieramento di partenza”.