Motomondiale logo

SBK, Phillip Island gara1: Rea la spunta su Davies e vince la prima manche

La prima manche del Gran Premio d’Australia e della nuova stagione vede Rea come vincitore, con Davies e Sykes a podio.

Rea-vittoria-Gara1-Phillip-Island

Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) appone subito un primo sigillo su questa nuova stagione conquistando la prima manche del Gran Premio d’Australia. Il campione del mondo in carica la spunta in dirittura d’arrivo su Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati), secondo classificato. Sul terzo gradino del podio vi è Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), distaccato di oltre un secondo.

Termina in volata anche la corsa di Alex Lowes (Pata Yamaha Official WSBK Team), immediatamente alle spalle del numero 66. Il britannico riesce a restare all’interno del gruppo di testa per l’intera durata della gara, mantenendo il passo dei top rider. In top 5 troviamo anche la MV Agusta di Leon Camier, a tre secondi dal vincitore della corsa. Si comporta bene anche Xavi Forés (Barni Racing Team), scattato ottavo e giunto sesto sul traguardo. Jordi Torres (BMW Althea Racing Team), settimo, tiene alle proprie spalle Eugene Laverty (Milwaukee Aprilia), Michael van der Mark (Pata Yamaha Official WSBK) e Randy Krummenacher (Kawasaki Puccetti Racing) a completare la top 10.

Undicesimo piazzamento per Nicky Hayden (Red Bull Honda WSBK Team) che si comporta meglio del proprio team mate e debuttante, Stefan Bradl, quindicesimo e quindi in zona punti. Guadagnano alcuni punti iridati anche Markus Reiterberger (BMW Althea Racing Team), Roman Ramos (Team Kawasaki Go Eleven) ed Alex De Angelis (Pedercini Racing SC-Project).

Parte bene la nuova avventura di Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati), scattato dalla prima fila e tra i più rapidi nel corso di tutti i passaggi realizzati, ma al quindicesimo giro, per evitare un contatto con Lowes, è costretto a commettere un dritto con conseguente caduta, quando occupava la quinta piazza. Si ritirano anche Joshua Brookes (ERMotorsport-EliteRoads.com.au) e Lorenzo Savadori (Milwaukee Aprilia), scivolato nel corso del quinto giro.