Motomondiale logo

MotoGP, GP di Catalunya: Quartararo torna alla vittoria, doppietta Suzuki a podio

Nel GP di Catalunya torna alla vittoria Fabio Quartararo che sul podio anticipa i piloti Suzuki Joan Mir ed Alex Rins.


La gara del Gran Premio di Catalunya vede trionfare Fabio Quartararo (Petronas Yamaha SRT) sugli uomini Suzuki Joan Mir ed Alex Rins, rispettivamente secondo e terzo. Tra i piloti in lotta per il titolo, resoconto negativo per Andrea Dovizioso (Mission Winnow Ducati Team) e Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP); il primo è coinvolto in un incidente ed abbandona immediatamente la corsa, mentre il secondo disputa una gara anonima e taglierà il traguardo in nona posizione.

Il leader del mondiale torna ad essere dunque Quartararo che riesce ad agguantare il gradino più alto del podio andando ad anticipare appunto gli spagnoli Mir e Rins, risaliti nel corso della gara sino ad ottenere un’importante doppietta per la Casa nipponica. Quarta piazza per Franco Morbidelli (Petronas Yamaha SRT) che per buona parte della corsa è rimasto in top 3 salvo arrendersi all’arrembante rimonta dei rivali saliti poi sul podio. I compagni di squadra del team Pramac si giocano la quinta posizione con Jack Miller che la spunta su Pecco Bagnaia, mentre alle loro spalle si classifica settimo Takaaki Nakagami (Idemitsu LCR Honda), primo pilota Honda al traguardo. Top 10 conclusa poi da Danilo Petrucci (Mission Winnow Ducati Team), Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP), scattato dalla quinta casella, e Cal Crutchlow (Castrol LCR Honda), sopravanzato dal numero 12 sul finale.

La zona punti odierna vede al proprio interno anche Brad Binder (Red Bull KTM Factory Racing), undicesimo e primo pilota per la Casa austriaca, Aleix Espargaró (Aprilia Racing Team Gresini), dodicesimo, Alex Marquez (Repsol Honda Team), tredicesimo, Iker Lecuona (Red Bull KTM Tech3), quattordicesimo, e Tito Rabat (Esponsorama Racing), quindicesimo. Tra i ritirati vi sono per l’appunto Dovizioso e Johann Zarco (Esponsorama Racing), usciti di scena immediatamente per via della caduta del francese, il quale, tentando di evitare Petrucci davanti a sé, scivola portandosi dietro anche il forlivese incolpevole. Oltre a loro non raggiungono la bandiera a scacchi Pol Espargaró (Redd Bull KTM Factory Racing), Valentino Rossi (Monster Energy Yamaha MotoGP), caduto quando occupava la seconda posizione, e Miguel Oliveira (Red Bull KTM Tech3).