Motomondiale logo

Lorenzo protagonista, dominio Yamaha nelle FP3, Rossi 8° ma con giudizio

Non riesce Casey Stoner a fare la tripletta delle libere grazie ad una Yamaha in gran spolvero, con uno Jorge Lorenzo che stabilisce cinque volte il miglior tempo della sessione.

Jorge Lorenzo in action, FP3 Losail International Circuit MotoGP 2012

Jorge Lorenzo in action, FP3 Losail International Circuit MotoGP 2012

Non riesce Casey Stoner a fare la tripletta delle libere grazie ad una Yamaha in gran spolvero, con uno Jorge Lorenzo che stabilisce cinque volte il miglior tempo della sessione, superando Barbera, Stoner e Crutchlow che a turno l’avevano insidiato, e siglando ad un minuto dal termine delle prove un crono di 1’55.302, che da 0.154 di distacco a Cal Crutchlow e 0.372 a Casey Stoner.

Insomma, vere e proprie prove di pole position per lo spagnolo iridato della Yamaha che migliora sensibilmente i tempi di giro con le gomme morbide, mentre sembra più cercare il ritmo gara Casey Stoner che gira per tutta la sessione con un set di gomme dure.

Il dominio Yamaha si concretizza con il secondo tempo per Cal Crutchlow, del team Monster Tech 3 che lotta con Lorenzo per la “pole” e con Andrea Dovizioso (Monster Tech 3), 5° a 6 decimi dalla vetta.

Pedrosa dopo la caduta nelle FP2 non sembra ancora al top ma ottiene comunque un 5° tempo che gli permette di restare al di sotto del secondo di ritardo su Lorenzo.

La Ducati si illude a inizio sessione con Hector Barbera che dopo due giri supera Lorenzo con un tempo di 1’56.409 ma il suo primato dura giusto un’altro giro e il pilota del team Pramac Racing termina le prove con un 6° posto che lo mette primo tra i ducatisti, seguito da Nicky Hayden e Valentino Rossi (rispettivamente 7° e 8°).

Ducati comunque in progresso, con Rossi che con un crono di 1’56.535 rimane a 1.2 secondi dalla vetta ma soprattutto migliora di quasi un secondo e mezzo il suo tempo tra la prima e l’ultima sessione, miglioramento anche per Nicky Hayden che rispetto a giovedì guadagna mezzo secondo.

Cadute nella sessione per Ben Spies (Yamaha Factory Racing) che chiude 11º e Randy de Puniet (Power Electronics Aspar), che rimane comunque il migliore delle CRT presenti in pista, sempre seguito da Colin Edwards e Michele Pirro.

Pos Pilota Team Time Gap 1°/ Prev
1 Jorge LORENZO Yamaha Factory Racing 1’55.302
2 Cal CRUTCHLOW Monster Yamaha Tech 3 1’55.456 0.154 / 0.154
3 Casey STONER Repsol Honda Team 1’55.674 0.372 / 0.218
4 Andrea DOVIZIOSO Monster Yamaha Tech 3 1’55.905 0.603 / 0.231
5 Dani PEDROSA Repsol Honda Team 1’56.114 0.812 / 0.209
6 Hector BARBERA Pramac Racing Team 1’56.163 0.861 / 0.049
7 Nicky HAYDEN Ducati Team 1’56.402 1.100 / 0.239
8 Valentino ROSSI Ducati Team 1’56.535 1.233 / 0.133
9 Stefan BRADL LCR Honda MotoGP 1’56.751 1.449 / 0.216
10 Alvaro BAUTISTA San Carlo Honda Gresini 1’56.771 1.469 / 0.020
11 Ben SPIES Yamaha Factory Racing 1’57.030 1.728 / 0.259
12 Karel ABRAHAM Cardion AB Motoracing 1’57.223 1.921 / 0.193
13 Randy DE PUNIET Power Electronics Aspar 1’58.261 2.959 / 1.038
14 Colin EDWARDS NGM Mobile Forward Racing 1’58.310 3.008 / 0.049
15 Michele PIRRO San Carlo Honda Gresini 1’58.800 3.498 / 0.490
16 Yonny HERNANDEZ Avintia Blusens 1’59.087 3.785 / 0.287
17 Aleix ESPARGARO Power Electronics Aspar 1’59.169 3.867 / 0.082
18 Danilo PETRUCCI Came IodaRacing Project 1’59.517 4.215 / 0.348
19 Ivan SILVA Avintia Blusens 2’00.035 4.733 / 0.518
20 Mattia PASINI Speed Master 2’00.226 4.924 / 0.191
21 James ELLISON Paul Bird Motorsport 2’00.563 5.261 / 0.337