Motomondiale logo

Eddi La Marra torna in sella dopo il grave incidente di Misano

Eddi La Marra, dopo il grave incidente che lo vide protagonista a Misano, torna in sella ad una moto da cross; il team Barni Racing pensa a lui.


Eddi-La-Marra-motocross-2014

Anno nuovo, vita nuova, questo è l’augurio che probabilmente il campione italiano della Superbike Eddi La Marra si concede.

L’annata appena trascorsa non si è rivelata certamente una delle più felici, con il grave incidente a Misano che ha coinvolto la sua fidanzata Alessia Polita, rimasta poi paralizzata, e quello che ha visto come protagonista lo stesso La Marra sempre nel circuito romagnolo. Eddi, in occasione di un importante test con la Ducati 1199 Panigale SBK, cadde rovinosamente, a causa dell’erba sintetica umida ai limiti della pista, battendo la testa sull’asfalto. Incidente che provocò al pilota di Ferentino un trauma cranico, per il quale fu posto in coma farmacologico ed operato, si risvegliò dodici giorni più tardi, quando iniziò la sua riabilitazione che fino ad ora ha compiuto passi da gigante.

In attesa degli esami che dovrà svolgere a sei mesi dall’incidente, Eddi La Marra ha trovato dentro di sé il giusto coraggio e la giusta voglia di tornare in sella, nonostante tutto. Il campione italiano della Superbike è tornato agli allenamenti salendo in sella ad una moto da cross, se in futuro potesse e volesse tornare a farlo dal punto di vista agonistico, non farebbe fatica a trovare un posto; il Team Barni Racing, che ha già schierato per la prossima stagione Jezek e Mercado nella Stock1000 e Goi e Poggiali nel CIV Superbike, ha dichiarato, tramite le parole del team manager Marco Barnabò, di essere più che disposto ad accogliere Eddi e di poterlo spingere anche nella categoria massima per quanto riguarda le derivate di serie:

“Eddi deve ancora fare le visite di rito a sei mesi dall’incidente per ottenere la licenza. Non abbiamo ancora definito niente, ma se sta bene non lo lasciamo a piedi. Fare una terza moto per Eddi non sarebbe un problema. Ma potremmo anche farlo correre in SBK con una EVO in qualche gara. Prima dell’infortunio doveva debuttare nella massima categoria da wild-card, è una possibilità che stiamo prendendo in seria considerazione. Lui scalpita, prima però vogliamo essere sicuri che sia al 100%”.