Team San Carlo Gresini: c’è ancora molto da lavorare per competere ai massimi livelli

Simoncelli, Team San Carlo Gresini Racing MotoGP 2010

Ancora una giornata difficile che non ha portato buoni consigli ai tecnici ed ai piloti del Team San Carlo Honda Gresini. Marco Melandri ha cercato in ogni modo di capire e interpretare la sua Honda RC212V ma non ha trovato in alcun modo la giusta strada ed alla fine ha rimediato anche una caduta dalla quale, fortunatamente, è uscito illeso mentre la moto era praticamente fuori uso. Stessi problemi per Marco Simoncelli, molti tentativi ma nessuna soluzione che migliorasse la guidabilità della sua moto. Delusione e preoccupazione a pochi giorni dalla prima gara ha preso il sopravvento ma in tutti c´è la convinzione che solo con un impegno totale ed un supporto tecnico deciso della Honda si possa uscire da questa situazione poco piacevole.

Marco Melandri (64 giri 1´ 57″ 222) “Sono amareggiato e deluso le abbiamo veramente provate tutte ma niente ci ha portato sulla giusta strada. Ogni cambiamento non ha dato indicazioni incoraggianti ed il lavoro vieniva vanificato. A complicare le cose ha contribuito anche una caduta ed una moto praticamente fuori uso. Non credo sia soltanto nostro il problema perché vedo che quasi tutti gli altri pilota Honda soffrono dei nostri problemi. Tra poco ci sarà la prima gara e l´attuale situazione ci preoccupa alquanto. Serve un´impegno totale per cercare le soluzioni ed intervenire per risolvere l´attuale spiacevole situazione. ”

Marco Simoncelli (56 giri 1´ 57″ 379) “Faccio veramente fatica abbiamo tentato diverse soluzioni ma non ne abbiamo trovato una che ci permettesse di fare progressi. A questo punto non credo che questo momento di chiara difficoltà possa attribuirsi alla mia poca esperienza in Motogp. Vedo che anche gli altri piloti Honda stanno incontarndo chi più chi meno le stesse difficoltà quindi ritengo che tutti insieme dobbiamo rimboccarci le maniche per uscire da una situazione non certo piacevole. ”

Fausto Gresini: “Non posso che confermare quanto affermato ieri: c´è molto da lavorare, non sarà facile ma sono convinto che con la determinazione che ci contrattistingue e l´impegno deciso della Honda arriveremo a trovare la strada giusta. Oggi naturalmente sono preoccupato e vedere che difronte all´impegno ed ai vari tentativi dei tecnici non si sia fatto nessun progresso sono alquanto deluso. Come sempre continuo però a credere nella forza della Honda e nelle sue capacità di reazione e spero che affronti con decisione il momento particolarmente difficile.”

Redazione