Motomondiale logo

MotoGP 2017: Rins farà il salto di categoria in sella alla Suzuki

Arriva l’annuncio ufficiale del passaggio di Alex Rins in MotoGP ed in particolar modo nel Team Ecstar Suzuki, dove affiancherà Andrea Iannone.

Rins-Suzuki-MotoGP2017

È fresco di giornata l’annuncio del Team Ecstar Suzuki che ufficializza il passaggio di Alex Rins in MotoGP, dove concorrerà in sella alla GSX-RR. Il vice-campione del mondo di Moto3 nel 2013 e debuttante dell’anno in Moto2 nel corso della passata stagione compierà dunque un importante, quanto atteso, salto di categoria, ed andrà ad affiancare Andrea Iannone.

Di conseguenza Aleix Espargaró, per due anni in forze nella Casa nipponica, dovrà definire a breve il proprio futuro. Queste sono le parole del Team Manager, Davide Brivio:

“Alex Rins è un giovane pilota che ha già provato a tutti quanto sia talentuoso, è sempre in lotta per le posizioni di rilievo del campionato del mondo, fin dal suo debutto in ogni classe, e ciò lo rende il tipo di pilota che vogliamo appoggiare in futuro. Affiancare Andrea Iannone, un pilota di esperienza, ad un giovane talento quale Alex crea una perfetta combinazione per la nostra sfida. Crediamo che questa combinazione, insieme allo sviluppo della Suzuki GSX-RR, possa aiutarci a creare una squadra forte abbastanza per competere al massimo livello. Non è stata una scelta facile e ci dispiace per Aleix Espargaró, il quale vorremmo ringraziare per il suo duro lavoro e per la passione che ha sempre investito nel nostro progetto sin dagli inizi. Gli auguriamo il meglio per il  futuro ma allo stesso tempo continueremo ad appoggiarlo nel migliore dei modi finché sarà possibile, con lo scopo di ottenere insieme i migliori risultati possibili da ora a fine stagione.”

Alex Rins: “Grazie al Team Ecstar Suzuki! Sono davvero contento per questo grande passo in avanti nella mia carriera! Ora però continueremo a lottare per il titolo di Moto2 con il Pons Racing Team.”

Aleix Espargaró: “Son stati due anni fantastici con questo grande gruppo, ora Suzuki ha deciso di cambiare completamente il proprio progetto, così dovremo resettare tutto e cercare una nuova sfida nel quale mi valorizzino realmente, sperando di tornare ad essere felice lavorando duro, così com’è accaduto in questi 11 anni di mondiale.”