Triumph ha davvero esagerato: cilindrata fuori dal comune, l’ultima arrivata è un vero capolavoro

Ancora sorprese in casa Triumph con il marchio inglese che propone un vero bolide. Vediamo nel dettaglio cosa offre una delle moto più incredibili prodotte dalla casa. 

Pochi marchi europei possono vantare un connubio di tradizione indimenticabile accompagnata da uno sguardo sempre rivolto al futuro paragonabile a quello del marchio Triumph, una casa che non ha certo bisogno di presentazioni. Il marchio inglese che in origine produceva anche automobili sportive si è specializzato poi nel settore delle motociclette finché non è arrivato a dominarlo sotto molti aspetti.

Triumph nuovo modello
Il potente modello Triumph (Ansa) – Motomondiale.it

Ora, il marchio britannico ha tantissimi progetti per quest’anno: tra i più originali, l’ingresso nelle competizioni di motocross che sembra essere partito in modo ottimale con alcuni successi. Poi, ovviamente, ci sono i piani per introdurre nuovi modelli nella gamma “civile” che continua ad essere il vero punto di forza della casa britannica.

La casa britannica sul mercato ha anche un modello davvero pesante, sotto tutti i punti di vista. In un’epoca in cui si punta soprattutto sulle emissioni zero, sui piccoli scooter e sulle due ruote da città il brand non si è fatto troppi problemi a regalare ai clienti più “tradizionalisti” un mostro con uno dei motori più imponenti che si siano mai visti tra le due ruote.

Triumph Rocket, la “cattiva” della casa inglese 

Definita dal marchio come una Muscle Cruiser, in pratica una sportiva dall’aspetto simile alle cruiser americane, la Triumph Rocket 3 Storm è una diretta evoluzione della Rocket III che fin dalle sue origini è sempre stata la più “cattiva” tra le motociclette del marchio inglese. Questo modello in particolare, nella sua ultima versione, fa venire i brividi.

Triumph nuovo modello
Triumph Rocket Storm 3 (Triumph) – Motomondiale.it

Introdotta nel 2020 la moto si è presa il record per il motore più grande mai prodotto in serie per una due ruote: la cilindrata dell’immenso propulsore da tre cilindri è di ben 2.450 cc per una potenza di 165 cavalli e soprattutto una coppia da 221 nm in tutto, numeri da far invidia ad una Boss Hoss americana. Pensate che sull’ultima versione, la potenza è salita ancora a ben 182 cavalli.

Stando a chi ha testato l’ultimo modello, la Triumph avrebbe fatto un lavoro incredibile sul modello: la potenza è ovviamente assurda ma anche i freni rispondono bene nonostante una massa un po’ eccessiva di ben tre quintali, moltissimo anche per una moto simile. Forse, il difetto più grave della moto è il prezzo. Con un costo di 26.495 euro, si può considerare una vera superbike di nome e di fatto. Ma volete mettere il brivido di salire a cavallo di un missile?

Impostazioni privacy