Gli scooter-taxi diventano realtà: tremano i tassisti, esplode già la polemica

In alcuni paesi del mondo è già una realtà, ma in Italia gli scooter usati come taxi faticano ad attecchire. I motivi? Sono sempre i soliti.

Probabilmente, il modo migliore per arrivare a destinazione in una città particolarmente trafficata è inforcare un motorino e spostarsi con quel mezzo, decisamente più agile di un’automobile. In alcune città del mondo dove gli ingorghi sono un vero incubo è praticamente impossibile trovare un cittadino che non possieda questo tipo di veicolo, pena, intere giornate buttate nel traffico.

Moto taxi arrivo in Italia
Una compagnia attiva in Indonesia con il servizio di moto-taxi (Ansa) – Motomondiale.it

A questo punto, la domanda sorge spontanea. Non sarebbe più comodo avere una compagnia di taxi che opera anche in motocicletta e scooter? Perché nessuno ci ha mai pensato? Ancora una volta siamo noi italiani a non essere al passo con i tempi. In tutto il mondo, specie in Asia ed Africa dove il traffico è peggio del nostro nelle grandi metropoli, operano compagnie che usano questo tipo di veicoli. Una su tutte è la indonesiana Gojek.

In realtà nel nostro paese è arrivato un servizio simile, da poco, attirandosi però diverse critiche dai rivali principali. Vediamo qual è il problema e perché il servizio rischia di non essere accolto bene come Uber e compagnia bella anche se in alcuni casi potrebbe sicuramente risparmiare brutte code ed ingorghi agli italiani.

Arriva Fasto Bike, ma è polemica in Italia

Il servizio offerto dalla compagnia Fasto Bike permette ai clienti di spostarsi a bordo di motorini e scooter offerti dai guidatori dell’azienda europea, in grado di offrire un servizio che – sul sito ufficiale – viene definito rapido ed economico, forse più dei taxi tradizionali a causa del minor tempo passato nel traffico per cliente. I guidatori sono professionisti che vengono assunti dalla compagnia che consente anche di presentare il curriculum da privato sul sito ufficiale.

Moto taxi arrivo in Italia Fasto scooter
Fasto è il primo servizio di taxi a due ruote in Italia (Fasto Bike) – Motomondiale.it

I mezzi dell’azienda si identificano con una livrea gialla e circolano già a Napoli e Milano; presto invece saranno anche a Firenze. Ovviamente questo ha attirato diverse critiche, soprattutto da parte delle associazioni dei tassisti che temono di perdere clienti e guadagni per via di questo concorrente, un po’ come è successo con le app di sharing della mobilità in passato.

La Società Coop Tassisti di Firenze avrebbe protestato tramite il presidente Milko Signorini: “Il prossimo passo è fare come Santo Domingo dove alzi la mano e ti fai dare un passaggio da chicchessia”. Un modo per dire che questa app permette a chiunque di fare il tassista senza chiedere particolari licenze. Una situazione già tesa ma alla fine, saranno i clienti a scegliere e a fare il proprio sostegno o meno a questa nuova compagnia.

Impostazioni privacy