Motomondiale logo

DucAudi, nuova proprietà ma niente rivoluzioni

La nuova proprietà Audi si insedia in Ducati e lo fa nel modo più indolore possibile, confermando l’attuale struttura tecnica e amministrativa.

Volkswagen, Audi, Ducati

Volkswagen, Audi, Ducati

La nuova Ducati è “partita”, con le nomine del nuovo CdA e la conferma delle posizioni chiave, si chiude lo scenario della paventata rivoluzione germanica nei ranghi della rossa di Borgo Panigale.

Gabriele Del Torchio rimarrà Amministratore Delegato Ducati, confermato nel CdA anche Claudio Domenicali (responsabile prodotto e direttore generale) e confermato Filippo Preziosi al comando di Ducati Corse, la nuova proprietà si insedia a Borgo Panigale nel segno della continuità, senza scossoni e senza rivoluzioni.

Un bel segnale di fiducia evidentemente nel lavoro svolto sino ad ora, anzi, pare che nel settore corse Preziosi potrà beneficiare del supporto di Wolfgang Dürheimer, capo del prodotto e dello sport dell’intero gruppo Volkswagen, opzione che potrebbe portare oltre a nuove risorse anche nuove tecnologie e nuove strutture per far fare quel balzo in avanti alla rossa e farla passare da “piccola azienda artigiana” a “colosso motoristico” al pari di Honda e Yamaha.

Forse in quest’ottica il lavoro potrà convincere e ridare fiducia a Valentino Rossi, per tentare un’ulteriore step con la casa italiana in MotoGP, e mettere a tacere le incessanti voci di mercato che impazzano ormai da mesi.