Motomondiale logo

Superbike: Michel Fabrizio in prima fila a Monza

Michel Fabrizio e il suo team hanno lavorato senza sosta per assicurarsi la prima fila dello schieramento di partenza per le due gare che domani prenderanno il via all’Autodromo Nazionale di Monza; il pilota Ducati Xerox ha realizzato il terzo miglior tempo, confermando la positiva prestazione di ieri. Anche il secondo turno di qualifiche, questa […]


michael-fabrizio-superbike

Michel Fabrizio e il suo team hanno lavorato senza sosta per assicurarsi la prima fila dello schieramento di partenza per le due gare che domani prenderanno il via all’Autodromo Nazionale di Monza; il pilota Ducati Xerox ha realizzato il terzo miglior tempo, confermando la positiva prestazione di ieri.

Anche il secondo turno di qualifiche, questa mattina,  si è rivelato particolarmente fruttuoso per Fabrizio e la sua 1198. Dopo un inizio di sessione su pista umida, come il giorno precedente l’asfalto è andato via via asciugandosi permettendo ai piloti di esprimersi al pieno del potenziale;  l’italiano è stato il più veloce della mattinata con il tempo di 1’43.737, tre decimi meglio di Rea (Honda). Verso la fine del turno anche Noriyuki Haga ha fatto dei progressi, migliorando di quasi un secondo e mezzo il suo tempo di qualifica provvisorio e portandosi in dodicesima posizione in vista della successiva Superpole.

Nelle libere del pomeriggio i tempi sono calati ulteriormente e Fabrizio ha impressionato scendendo sotto la barriera del 1’43, con un crono finale, il più veloce, di 1’42.6. Noriyuki invece ha continuato a perdere decimi preziosi, soprattutto nella prima parte del giro, ed ha chiuso quattordicesimo.

Superpole 1 – Nei primi 14 minuti sia Fabrizio sia Haga sono usciti due volte. L’italiano ha scelto di non usare la gomma da qualifica avendo ottenuto un solido ottavo tempo per passare alla fase successiva. Il pilota giapponese, invece, ne ha utilizzata una nel suo secondo “run” riuscendo a rientrare nei sedici grazie alla quattordicesima prestazione finale.

Superpole 2 – I tecnici di Noriyuki per questa sessione hanno montato una gomma da qualifica ma sfortunatamente il giapponese non è riuscito a trovare abbastanza “grip” per essere più veloce ed ha dovuto accontentarsi del sedicesimo tempo che lo colloca in quarta fila nello schieramento di domani. Anche Michel ha usato una “Q” nella fase 2,  girando in 1’42.7, secondo miglior tempo, che lo ha traghettato agevolmente  verso l’ultimo “split” della Superpole.

Superpole 3 – Michel  ha fatto due giri veloci, il secondo dei quali lo ha portato temporaneamente in testa e negli ultimi minuti è stato superato solo da Biaggi e Crutchlow. Il pilota  Ducati Xerox ha così mantenuto il terzo tempo, come ieri, che gli ha assicurato la prima fila per le gare di domenica.

Michel Fabrizio
“Il risultato di oggi è la risposta migliore a qualche chiacchiera di troppo che ieri girava nel paddock. Nel team stiamo lavorando uniti e insieme riusciremo a tornare protagonisti. Ovviamente sono molto felice della prestazione di oggi. Dovevamo tornare in pista con un risultato come questo, dopo tre gare in cui non ero stato davvero “presente”, perlomeno nelle posizioni di testa dove dovrebbe stare un pilota ufficiale. Sono contento anche perché, dopo i positivi test di Misano della settimana scorsa, stiamo facendo bene davanti al pubblico italiano, perlomeno finora! E’ la nostra prima gara di casa e chiaramente sia a me sia alla Ducati farebbe molto piacere riuscire ottenere due grandi risultati”.

Noriyuki Haga
“Questa mattina le condizioni erano molto simili a ieri e per me è stato difficile, soprattutto nella prima parte della pista. Poi, durante la Superpole, mi sono trovato ad avere un “grip” migliore con la gomma da gara che con quella da qualifica. Mi mancava aderenza dietro e, pur spingendo al massimo, è stato impossibile fare un giro veloce. Sono abbastanza soddisfatto del set-up da gara ma per domani mi aspetto una giornata dura”.

TEMPI (Superpole): 1. Biaggi (Aprilia) 1’42.1; 2. Crutchlow (Yamaha) 1’42.1; 3. Fabrizio (Ducati Xerox) 1’42.4; 4. Rea (Honda) 1’42.5; 5. Haslam (Suzuki) 1’42.6; Xaus (BMW) 1’42.7; 7. Toseland (Yamaha) 1’42.7; 8. Sykes (Kawasaki) 1’43.1…. 16. Haga (Ducati Xerox) 1’43.9