Motomondiale logo

Presentati, in Germania, il dream team e la nuova Ducati GP14

Solo poche ora fa sono state svelate, in Germania, le due Desmosedici in versione GP14, che saranno guidate in pista da Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow.


Ducati-Team-GP14

A dimostrazione del ben consolidato rapporto tra la casa costruttrice di Borgo Panigale e Audi, la presentazione del team, composto da piloti e non solo, e la nuova Desmosedici GP14 ha avuto luogo a Monaco di Baviera nella giornata di lunedì, con duplice appuntamento: in mattinata conferenza stampa nell’Audi Forum all’interno dell’aeroporto della cittadina tedesca, ed in serata, invece, si è passati all’Audi Zentrum di Eching dove è stata mostrata in anteprima mondiale la nuova livrea per la stagione 2014.

Il team era presente al completo, a partire dalla mente del nuovo progetto intrapreso da Ducati, Gigi Dall’Igna, per passare ai due uomini a cui sarà affidato il compito di portare direttamente in pista le decisioni strategiche prese ai box, Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow, il Direttore Sportivo Ducati Corse Paolo Ciabatti e l’Amministratore Delegato Claudio Domenicali. Quest’ultimo ha introdotto l’evento alla stampa, affermando, tra le altre cose, che:

“Le nuove scelte tecniche e sportive che l’azienda ha deciso di seguire ci consentiranno di tornare a competere con quello spirito che ha sempre caratterizzato le donne e gli uomini che lavorano in Ducati, capaci di produrre moto da sogno, all’avanguardia per quanto riguarda tecnologia e design.”.

Reduce dai buoni risultati ottenuti durante i test invernali, Gigi Dall’Igna è conscio del fatto che quella che Ducati, con la sua importante collaborazione, ha deciso di affrontare è una vera e propria sfida ma sa bene che i mezzi per vincerla ci sono; il netto miglioramento fatto segnare a Sepang e il dimezzarsi del gap, che eravamo abituati a vedere tra le desmosedici e le factory dei team principali, ha nettamente alzato il livello di fiducia negli uomini addetti ai lavori e nei piloti stessi:

“Sono estremamente orgoglioso della scelta che ho fatto e altrettanto motivato dai primi risultati che abbiamo ottenuto nei due test di Sepang e a Phillip Island.” Dall’Igna ha poi continuato dicendo: “Al momento la cosa più importante è proseguire con lo sviluppo della moto, e le scelte che abbiamo fatto ci permetteranno di andare avanti e di crescere. Siamo molto soddisfatti dei tempi sul giro ottenuti negli ultimi test, ma anche della costanza del rendimento, confortati anche dai commenti dei nostri piloti. Ducati ha ridotto significativamente il gap rispetto ai concorrenti e siamo fiduciosi di poter fare ulteriori passi avanti durante la stagione”.

Gli stessi piloti si dichiarano impazienti per l’inizio di questa stagione, che si presenta come un anno di transizione che porterà, presumibilmente, ad un’era di cambiamenti.

Andrea Dovizioso: “Sono molto contento di come sono andati i test pre-stagione perché siamo riusciti a migliorare più del previsto e questo mi dà molto fiducia. Grazie al lavoro di Gigi, e facendo qualche cambiamento del bilanciamento, ora la moto è più gestibile, funziona meglio e siamo riusciti con queste modifiche ad ottenere i tempi che abbiamo fatto negli ultimi test. In ogni caso abbiamo decisamente ridotto il gap rispetto allo scorso anno ed oggi siamo molto più competitivi.”.

Cal Crutchlow: “Non vedo l’ora di iniziare la stagione in Qatar, e credo che sarà una buona gara per noi. Ho lavorato molto bene con la mia nuova squadra, e soprattutto in Australia sono rimasto molto soddisfatto. Dobbiamo ancora provare diverse soluzioni sulla mia moto, ma credo che siamo già ad un buon punto.”.

Passiamo, infine, ad esaminare velocemente la nuova livrea. Ad occhio si può facilmente notare come il bianco sia più predominante rispetto agli scorsi anni, tanto da avere la meglio sul più classico rosso (un po’ com’è accaduto con Yamaha, dove il bianco bilancia il blu). L’applicazione del logo di Andrea Dovizioso sulla livrea non apporta cambiamenti radicali, in quanto i colori restano fedeli all’immagine Ducati, mentre per quanto riguarda Cal Crutchlow, il giallo 35 fa capolino appena sopra la scritta Ducati.