Mercedes, storia di successo: ecco i titoli vinti in F1

La Mercedes ha scritto la storia della F1 dell’ultimo decennio, dominando per anni la scena. Ecco quanti titoli hanno vinto.

Oggi vi parleremo della storia in F1 della Mercedes, il terzo team più vincente di sempre in termini di vittorie con 125 successi di tappa, alle spalle solamente di McLaren Ferrari. Dopo aver dominato l’era ibrida, il team di Toto Wolff è entrato in crisi con le vetture ad effetto suolo, e da inizio 2022 ad oggi, ha vinto solamente il Gran Preio del Brasile di quell’anno, con George Russell protagonista.

Mercedes titoli vinti
Mercedes con Lewis Hamilton in azione a Jeddah (ANSA) – Motomondiale.it

Il 2023 è stata la prima stagione, dal 2011 in avanti, in cui la Mercedes non ha vinto neanche una gara, ed anche per il 2024 i propositi non sono eccezionali. Tuttavia, quanto fatto in passato dalla casa di Stoccarda resterà indimenticabile, grazie ad una striscia di successi a dir poco unica. Andiamo a vedere quanti titoli hanno vinto in totale.

Mercedes, ecco i titoli vinti in F1 nella storia

Per chi non ne fosse al corrente, la Mercedes ha iniziato la sua avventura in F1 ben prima del 2010, quando tornò nella sua veste moderna acquistando la Brawn GP, ed anche la sua sede situata a Brackley, in Inghilterra. La casa di Stoccarda fu protagonista degli albori della massima formula, correndo e dominando nel corso degli anni Cinquanta.

Lewis Hamilton leggenda della Mercedes
Lewis Hamilton in azione nel 2020 sulla F1 W11 (ANSA) – Motomondiale.it

In totale, la Mercedes ha vinto 9 titoli mondiali piloti ed 8 costruttori, portando a quota 17 il computo complessivo. Tra i piloti, i primi due arrivarono nel 1954 e nel 1955, grazie a Juan Manuel Fangio, iridato al volante della W196. Sul primo titolo, tuttavia, va fatta una precisazione, dal momento che è stato portato a casa condividendolo con la Maserati. Il cinque volte campione del mondo argentino, infatti, iniziò la stagione con la casa del Tridente, per cui il mondiale venne assegnato ad entrambi i marchi.

In seguito, la casa della Stella a tre punte si ritirò dalla F1 e dal motorsport, per via della tragedia avvenuta alla 24 ore di Le Mans del 1955, quando Pierre Levegh, al volante di una vettura del brand tedesco, finì nel pubblico uccidendo gli spettatori, per un totale di 84 vittime, compreso anche il pilota.

Il ritorno avvenne gradualmente a partire dagli anni Ottanta, con la collaborazione con la Sauber che fruttò la vittoria a Le Mans nel 1989, con la mitica C9. In seguito, iniziò la fornitura di motori anche in F1 al team elvetico, per poi unirsi con la McLaren, con la quale arrivarono tre titoli piloti con Mika Hakkinen e Lewis Hamilton, ed uno costruttori nel 1998.

Come detto in precedenza, il ritorno come team ufficiale c’è stato nel 2010, e dal 2014 al 2021 sono stati vinti 8 costruttori di fila, oltre a 7 titoli piloti, 6 con Hamilton ed uno con Nico Rosberg nel 2016. Va fatta una precisazione su quello che accadde negli anni Cinquanta, quando la casa tedesca non portò a casa neanche un titolo a squadre. All’epoca, questo riconoscimento non era previsto, e venne inserito solamente a partire dal 1958, per poi restare sempre nell’albo d’oro.

Impostazioni privacy